La guerra del Tiburtino III, Recensione: quando gli alieni arrivano a Roma

Il nuovo film di Luna Gualano in uscita il 2 novembre è stato appena presentato ad Alice nella città. Una commedia fantascientifica ambientata nella periferia della capitale, precisamente a Tiburtino III. La trama de La guerra del Tiburtino III Leonardo De Sanctis (Paolo Calabresi), trova un frammento di materia spaziale mentre porta a spasso il […]

La guerra del Tiburtino III

Il nuovo film di Luna Gualano in uscita il 2 novembre è stato appena presentato ad Alice nella città. Una commedia fantascientifica ambientata nella periferia della capitale, precisamente a Tiburtino III.

7

La guerra del Tiburtino III

La guerra del Tiburtino III è una bella sorpresa. Una commedia di fantascienza poco scontata e molto divertente. I suoi punti di forza sono il soggetto interessante, il cast sempre sul pezzo e la colonna sonora azzeccata.

Dove vederlo:

La trama de La guerra del Tiburtino III

Immagine d'informazione

Leonardo De Sanctis (Paolo Calabresi), trova un frammento di materia spaziale mentre porta a spasso il suo cane. Decide quindi di portare questo frammento a casa sua, frammento che si rivelerà essere un guscio contenente una creatura extraterrestre. A poco a poco le persone del quartiere, partendo proprio da Leonardo, iniziano a cambiare i loro atteggiamenti, e decidono di isolare totalmente la zona. La notizia della chiusura del Tiburtino III fa subito successo sui social media e per questo, Lavinia Conte, influencer, decide di visitare il quartiere per creare dei contenuti virali. La giovane influencer documenterà la situazione e indagherà sulla questione al fianco di Pinna, figlio di Leonardo, Panettone e Chanel, cercando di risolvere il tutto.

95 minuti di risate

Questa commedia di fantascienza è sicuramente molto divertente e poco scontata. Gioca sulla nostra società, basti pensare al personaggio di Lavinia Conte, sicuramente il più attuale. Riesce a far ridere lo spettatore per gran parte della sua durata e a coinvolgerlo senza mai farlo stancare.

Immagine d'informazione

La colonna sonora è perfettamente in linea con la trama, e la componente fantascientifica. La fotografia e gli effetti speciali se la cavano e riescono a essere adeguati al film. Il soggetto è molto interessante ed è stato gestito benissimo dalla regista. La Gualano gestisce bene il tempo e non crea nemmeno un minuto morto.

Un bel gruppo a Tiburtino III

Il cast rende il film ancora più piacevole, partendo da un Paolo Calabresi nei panni della "regina" degli alieni. Ci regala delle scene divertentissime, soprattutto sul finale, nella ricerca di Padre Pio. Al suo fianco attori e attrici più o meno conosciuti, molto bravi in questa pellicola. Il tutto viene arricchito dal cameo di attori famosissimi che riescono a dare quel quid in più anche a personaggi di poca importanza.

Immagine d'informazione

Insomma La guerra del Tiburtino III è una commedia di fantascienza riuscita. Mantiene lo spettatore incollato alla poltrona divertendolo. Un cast di professionisti e una colonna sonora azzeccata completano l’ultima opera di Luna Gualano nel migliore dei modi.