👋 Seguici su Instagram per altre Notizie in diretta! (Clicca qui.)
Videogiochi

Activision Blizzard: avviate le procedure per un forte taglio del personale

Activision Blizzard, azienda statunitense nata nel 2008 dalla fusione dell’Activision con la Blizzard Entertainment, è…

Activision Blizzard: Avviate Le Procedure Per Un Forte Taglio Del Personale
Activision Blizzard: avviate le procedure per un forte taglio del personale

Activision Blizzard, azienda statunitense nata nel 2008 dalla fusione dell’Activision con la Blizzard Entertainment, è tra le maggiori compagnie di videogiochi, occupando il settimo posto nella classifica mondiale. Le sue linee di business con i relativi prodotti – tutti conoscono World of Warcraft, DiabloOverwatch, Hearthstone – le hanno consentito di raggiungere un fatturato al terzo trimestre 2018, secondo Newzoo, di 4,7 miliardi di dollari con un calo stimato attorno al 2%, quando il 2017 si era allora chiuso con un ricavo di 7 miliardi di dollari. Il risultato negativo in alcuni settori e le previsioni per il 2019 hanno così imposto una revisione strategica dell’organizzazione del lavoro nel suo complesso, un forte riassestamento interno, decretando, fra l’altro, il licenziamento di 800 dipendenti cioè una quota pari all’8% dell’intero staff che conta circa 9600 lavoratori.

La notizia, oltre ad alimentare notevole sconforto e tensione fra coloro a cui il provvedimento è stato rivolto, ha avuto un risvolto ancor più sconvolgente nel sapere che il nuovo CFO di Activision Blizzard, Dennis Durkin, riceverà un bonus di 15 milioni di dollari per aver accettato di subentrare a Spencer Neumann, licenziato per aver negoziato con Netflix. In una situazione abbastanza simile accaduta alla Nintendo nel 2011 il CEO stesso preferì ridursi lo stipendio del 50% piuttosto che operare tagli sul personale.

Non sono mancate reazioni alla decisione della software house americana, non solo attraverso espressioni di solidarietà, ma anche con azioni concrete come quella della Square Enix che ha invitato i licenziati a guardare le sue posizioni aperte come una possibile soluzione per il loro reintegro. Inoltre il Game Workers Unite, una sorta di sindacato, ha indetto una campagna di raccolta firme perché il CEO di Activision, Bobby Kotick, responsabile della deliberazione venga lui stesso licenziato per manifesta incapacità gestionale. Si profila dunque una battaglia auspicando che il buon senso che non sempre si accompagna con la logica del profitto, prevalga. Anche noi potremmo far sentire la nostra voce.

Seguici su Google News Leggi Google News
Cop Fifa21 All
Carriera Allenatore FIFA 21: Tutto Quello che…
La carriera allenatore di FIFA è una delle modalità più amate di tutto il videogioco…
Pokemon Unite Logo
Pokémon UNITE: le lotte strategiche a squadra…
Nelle scorse ore, durante la presentazione video “Pokémon Presents“, Tsunekazu Ishihara, Presidente e AD di The…
Valiant Hearts World War I And The Beauty Of Histo Pw4E
Valiant Hearts: The Great War – #pilloledigaming
Dopo un primo trittico di consigli e suggerimenti quotidiani relativi a titoli che in un…
Afkgaming 2021 12 4019F43C 7F28 4Cb8 A626 6A293Aa3Bda6 Ff7 Shwuuai04Kr
Valorant Champions: i risultati delle finali
Chi sono i Valorant Champions?
9C07627F B725 4Cf6 Bc63 00Ffbbd1D2Db
Che fine hanno fatto le copertine dei…
Per chi è appassionato di videogiochi, entrare in un negozio e guardare tutti i giochi…