Fallisce The Day Before ed ecco un altro colpo basso da FNTASTIC

Fallisce The Day Before ed ecco un altro colpo basso da FNTASTIC

Dopo il naufrago di The Day Before, il 12 dicembre la FNTASTIC spegne i computer e chiude definitivamente i battenti. Il gioco era stato annunciato tre anni fa con un breve gameplay di 13 minuti circa. Prometteva ai giocatori un MMO survival open world, uno shooter tra zombie e morti sanguinari. A parte la poco apprezzata eccessiva similitudine con The Last of Us e The Division, gli entusiasmi dei fan non sono comunque mancati. Le aspettative erano alte. Forse per questo è stato ancora più struggente l'aver scoperto che in realtà The Day Before non ha nulla a che vedere con le caratteristiche preannunciate.

Immagine d'informazione

La delusione dei fan

Neanche una settimana dall'uscita anticipata del 7 dicembre, che già le tastiere hanno cominciato battere polemiche. Oltre 20.000 recensioni negative hanno saturato i server, macchiando indelebilmente il nome FNTASTIC. I giocatori hanno puntato il dito direttamente agli sviluppatori, per tutte le bugie e le pubblicità disinformanti sul videogioco. L'azienda, dal canto suo, si è difesa mettendo in discussione la completezza del gioco in vista del progetto di nuove patches. Aggiornamenti che però, come ufficialmente dichiarato, non arriveranno mai per mancanza di fondi. E proprio questa presunta crisi finanziaria sembra che abbia costretto gli sviluppatori a ritirarsi dalle scene. Aperto, e tuttora in corso, il rimborso per i collaboratori e, sembrerebbe, del 46% degli acquirenti, dopo il ritiro del gioco dalle vendite da Steam.

Immagine d'informazione

Un nuovo nome per gli sviluppatori

Dopo l'ulteriore chiusura dei canali YouTube di FNTASTIC, il terremoto sembrava essere concluso. Invece ecco, nelle ultime 24 ore, un'altra mossa, forse troppo azzardata, dell'azienda russa. Come dichiarato da SteamDB, gli sviluppatori hanno infatti modificato il loro nome su alcuni titoli. Per The Day Before e il suo predecessore Propnight, si sono firmati come Mytona Fntastic. Stesso destino per il survival cooperativo del 2019 The Wild Eight, che è divenuta opera di Eight Points. D'altro canto, questo era il nome della FNTASTIC prima di acquisire quello attuale nel 2017. Non è ancora chiara la dinamica e il motivo di questa sostituzione, durata comunque poco. Forse per cancellare le tracce da Steam, evitare scandali, problemi legali che farebbero tremare l'intera azienda, o per recuperare magari almeno le vendite sugli altri giochi. Intento, quest'ultimo, in parte comprensibile per chi è già per terra e non vuole, quantomeno, sprofondare.

Immagine d'informazione