Dreams

Dreams – Recensione della nuova esclusiva PS4

Rilasciato lo scorso 14 febbraio 2020, abbiamo avuto modo di mettere le mani su Dreams, nuova esclusiva targata PlayStation 4 creata dal team di Media Molecule. Dopo averlo provato per piĂą di una settimana, in questa recensione vi esporremo i pro e i contro del nuovo titolo creato dalla software house londinese.

Dreams si presenta come un “immenso” sandbox, dando la possibilitĂ  ai propri utenti di creare una varietĂ  infinita di “sogni“, dai semplici personaggi ad elementi piĂą complessi, come la creazione di veri e propri giochi. All’inizio del nostro favoloso viaggio nel Sogniverso di Dreams, ci verrĂ  data la possibilitĂ  di scegliere uno spiritello guida, che ci accompagnerĂ  in tutti i momenti della nostra avventura onirica. Inizialmente la scelta di quest’ultimi sarĂ  alquanto ristretta, ma una volta iniziato il nostro viaggio nel sogniverso, avremo la possibilitĂ  di sbloccarne tantissimi, ultimando determinate missioni e grazie al raggiungimento di determinati obiettivi. Inoltre, avremo la possibilitĂ  di muovere gli spiritelli guida non solo sfruttando i sensori presenti nel Dualshock 4, che personalmente ho trovato un po’ scomodo, ma sarĂ  possibile muovere gli adorabili esserini utilizzando le levette analogiche del controller, opzione disponibile nel menĂą di gioco.

Dreams - Recensione della nuova esclusiva PS4 1

Viaggio tra i sogni e Creazione Onirica

Il titolo creato da Media Molecule consta fondamentalmente di due sezioni: “Viaggio tra i sogni” e la “Creazione onirica“. La modalitĂ  “Viaggio tra i sogni” da la possibilitĂ  ai giocatori di poter provare i “sogni” realizzati dalla community di Dreams. Il catalogo è ben strutturato, presentando al suo interno una gran varietĂ  di titoli, dai puzzle game a veri e propri giochi di ruolo, dai cortometraggi a “semplici” set espositivi, e mettendo in risalto non solo i titoli maggiormente apprezzati dagli utenti, ma anche quelli personalmente selezionati da Media Molecule.

Dreams - Recensione della nuova esclusiva PS4 2

L’altra modalitĂ  presente in Dreams è proprio la “Creazione onirica“, che permette agli utenti che possiedono una copia del gioco di dilettarsi nella creazione di qualsiasi cosa. L’editor in questione è tremendamente completo, dando la possibilitĂ  di modificare non solo una moltitudine di opzioni di ciascuna scena, ma di aggiungere anche colonne sonore e tracce audio. I vari elementi possono essere sia creati da zero, sfruttando il completissimo editor fornito dal team di Media Molecule, ma anche attingendo dalle creazioni condivise online dagli altri utenti. Il titolo inoltre è caratterizzato da un tutorial minuzioso ed esaustivo, spiegando passo passo i vari comandi presenti nell’editor.

Dreams permette a chiunque di cimentarsi nella creazione del proprio “sogno”, anche se questo richiederĂ  tempo e tanta pazienza.

Dreams - Recensione della nuova esclusiva PS4 3

Il sogno di Art

A spiccare in Dreams non è solo la vena creativa della community, mettendosi alla prova con numerose creazioni degne di nota, ma anche l’opera realizzata da Media Molecule, ovvero “Il sogno di Art“. Il titolo in questione, creato interamente con l’editor di gioco, mira a mostrare ai giocatori tutto ciò che è possibile realizzare con Dreams, attraverso la narrazione di storia musicale interattiva cinematografica. Protagonista della vicenda sarĂ  Art, intento in questo suo viaggio onirico e surreale, a combattere i propri demoni pur di ricongiungersi con la sua band. Nella breve storia, della durata complessiva di tre ore, non assumeremo solo i panni dell’abile bassista, ma anche quelli dei giocattoli d’infanzia del protagonista. L’obiettivo comune dei vari personaggi di gioco sarĂ  quello di risollevare le sorti del musicista di jazz, attraverso un racconto variegato, toccante e pieno di emozioni.

Dreams - Recensione della nuova esclusiva PS4 4

Il sogno di Art” non colpisce solo per la perfetta alternanza tra i diversi stili di gioco (sequenze platform, avventura punta e clicca, GDR e così via), ma soprattutto per l’estrema cura che il team di Media Molecule ha riservato al comparto audio-video, dove natura e tecnologia si mescolano insieme, creando un’opera che per lunghi tratti lascia davvero sbalorditi. Per non parlare della presenza di alcune sequenze cantate e ballata davvero esilaranti. Il “piccolo” sogno creato dalla software house londinese si conclude con un crescendo dinamico di sequenze memorabili, dalla quale emergono un incredibile varietĂ  di generi e sottogeneri videoludici.

Dreams - Recensione della nuova esclusiva PS4 5
Dreams
Dreams – Recensione della nuova esclusiva PS4
In Conclusione
Dreams rappresenta un vero e proprio "sogno", catapultando i videogiocatori non solo in un catalogo immenso dove potranno dilettarsi provando i titoli creati dalla community, ma avranno anche la possibilitĂ  di esprimere la propria creativitĂ , cimentandosi nella creazione di opere puramente personali, sfruttando il completissimo tool di sviluppo. Inoltre, "Il sogno di Art" non rappresenta esclusivamente le potenzialitĂ  dell'editor di gioco, ma racconta una storia intima, toccante ed intrisa di metafore incentrate sulla solitudine ed insicurezza del nostro protagonista, che da sola "giustifica" l'acquisto di Dreams!
Pro
LongevitĂ  praticamente "infinita"
Chiunque può cimentarsi nella creazione di un proprio gioco
Tutorial approfonditi e ben strutturati
Il "Sogno di Art" esprime in pieno la potenza creativa di Dreams!
Contro
La community continuerĂ  a supportare l'opera di Media Molecule?!
9

Scopri di piĂą
Dreams - Recensione della nuova esclusiva PS4 15
Legion Phone Duel: ecco il nuovo smartphone da gaming di Lenovo