👋 Sostieni Hynerd e ottieni ricche ricompense! (Clicca qui.)
Recensioni Serie Tv

Vikings recensione 6 stagione – NO SPOILER

L’INIZIO DELLA FINE  Finalmente siamo giunti alla conclusione di un percorso iniziato nel 2013 su…

Vikings Recensione 6 Stagione – No Spoiler
Vikings recensione 6 stagione – NO SPOILER

L’INIZIO DELLA FINE 

Finalmente siamo giunti alla conclusione di un percorso iniziato nel 2013 su History Channel, Vikings che negli anni è cresciuto sempre di più fino a diventare un fenomeno mondiale al pari delle più rinomate serie holliwoodiane.

Con 6 stagioni, divise ciascuna in 20 episodi, si chiude il cerchio della serie che narra nascita vita e morte dell’Età d’oro dei vichinghi. La 6B (seconda metà dell’ultima stagione) da noi sarà disponibile su Netflix e Prime Video verso fine mese, mentre già ora è disponibile su servizi streaming concorrenti. Il mio consiglio è di aspettare, se potete, che vengano rese disponibili su Netflix o Prime Video.

NARRAZIONE E RESA VISIVA

La qualità di quest’ultima parte di Vikings è rimasta invariata e mantiene alti gli standard a cui il resto della serie ci aveva abituati. 

Registicamente è sempre Vikings e le atmosfere sono rese sempre al meglio, con una fotografia sempre volta ad evidenziare genio e follia dei Vichinghi, quest’ultimi interpretati in modo magistrale dal corposo cast che anche in quest’utlima stagione impersona i figli di Ragnar Lothbrok.

Vikings 6A Stagione
Le battaglie sono sempre state uno dei punti forti di Vikings

L’unica pecca di queste ultime puntate risiede nel non aver tempo per approfondire alcuni rapporti e alcune battaglie che storicamente hanno invece impiegato addirittura anni per evolversi e concludersi.

Ma se da un lato troviamo questa leggermente eccessiva, e mai esagerata, fretta finale, i registi e gli sceneggiatori hanno saputo volgerla a loro vantaggio, ed è presto detto come. 

Temi come quello della malinconia, della chiusura, della fine di un’epoca, emergono in modo ripetuto e continuativo durante tutta l’ultima metà finale della 6 stagione di Vikings. 

Accadrà spesso e con personaggi diversi che quest’ultimi si ritroveranno quasi a rompere la quarta parete, parlando quindi con lo spettatore, per sottolineare come ormai l’Epoca d’oro dei Vichinghi, inaugurata dal leggendario e mitologico Ragnar Lothbork, sia ormai al tramonto. 

È questa la direzione principale presa nelle battute conclusive e non manca di fare centro colpendo lo spettatore dritto al cuore, spiegandoli ancora una volta che le gesta di Ragnar ormai appartengono alle leggende e che la sua enorme eredità, troppo grande per un singolo uomo è stata spartita e portata avanti in singole parti dai suoi altrettanto leggendari figli.

Portare avanti e chiudere il lascito dei padri, è questo il tema che emerge dal finale di Vikings. Ci saranno due ultime grandi battaglie, ma il loro scopo non sarà più portare gloria e fama ai Vichinghi, bensì serviranno per scandire il passaggio da un’era all’altra. 

Uno dei motivi per cui Vikings è diventata una serie così famosa, è il suo naturale modo di rappresentare senza filtri quella che era la vita dei Vichinghi. Violenza, razzie, sesso e alcol non verranno mai censurati dall’inizio alla fine della serie, un po’ come avveniva (più all’inizio che alla fine) ne Il Trono di Spade, altra serie di grandissimo successo sempre grazie alla sua narrativa senza filtri. 

Ponendo un paragone tra le due serie, e sopratutto tra i due epiloghi, è doveroso sottolineare come Vikings eccella sotto molti punti di vista. Di fatto, è oramai noto alla maggior parte degli spettatori fan di entrambe le serie TV, che Il Trono di Spade abbia fallito in buona parte (se non tutta) il proprio finale. Un po’ perché l’assenza di George R.R. Martin si è fatta sentire e un po’ per la fretta di concludere e battere cassa, gli sceneggiatori hanno optato per una serie di decisioni rapide e poco ponderate, una scelta rischiosa.

Vikings,6 Stagione,Recensione, Immagine 54
Due dei protagonisti delle due serie a paragone in un’immagine fanmade

La serie de Il Trono di Spade (e i libri) hanno da sempre abituato il lettore/spettatore a lunghi dialoghi, e prolungate decisioni strategiche in vista della conquista di un territorio. Inoltre, gran parte dei personaggi è letteralmente stata lasciata al proprio destino, frase che si traduce in una prevedibilità annunciata circa la chiusura dei cicli narrativi di quasi tutti i protagonisti. Nessuno stupore o sorpresa positivi, se non molte domande che non troveranno mai risposta (forse nei fantomatici spin off che sono in fase di pre-produzione e produzione al momento).

Tornando a Vikings, quest’ultima sesta stagione, sebbene riprenda tutte queste caratteristiche, si porta dietro l’enorme fardello di dover dare una degna conclusione alla serie e all’Età d’oro dei Vichinghi. È quindi in quest’ottica che esorto lo spettatore a guardare quest’ultima stagione, le aspettative non saranno deluse.

Vikings,6 Stagione,Recensione, Immagine 56
Lagherta e le sue Shield Maiden in una delle battaglie della stagione finale di Vikings

Alcune inesattezze storiche possono quindi essere facilmente sorvolate, sopratutto considerato che anche per quanto riguarda le vicende più storicamente note riguardanti Ragnar e figli, nel migliore dei casi esistono più versioni delle stesse, alimentando ancor di più l’alone di mito e leggenda delle loro gesta. Pertanto stare a soffermarsi su un singolo particolare storico non accurato sarebbe controproducente per apprezzare il vero potenziale di Vikings.

CAST ECCEZIONALE

Fino alla fine tutti i personaggi rimasti nell’ultima stagione portano a schermo performance attoriali degne di questo nome, rappresentando i Vichinghi sempre al meglio e nel modo più credibile possibile. 

Menzione speciale va fatta a Alex Hogh che ha interpretato fino alla fine il grande Ivar Lothbrok, “Il Senz’ossa”, riuscendo a rappresentare perfettamente il genio e la follia del suo personaggio nonché l’enorme crescita psicologica che ha avuto dall’inizio alla fine delle sue avventure.

Vikings,6 Stagione,Recensione, Immagine 58
Alex Hogh nel suo Ivar “il Senz’ossa”

Non mancheranno anche di chiudersi gli ultimi capitoli rimasti in sospeso con personaggi storici presenti fin dalla prima stagione, e di questo i fan non possono altro che esser contenti.

CONCLUSIONE DOLCE AMARA

Trattasi quindi un finale bellissimo e colmo di significati quello di Vikings: dolce e profondo per l’eredità di Ragnar che trova in qualche modo sfocio nei suoi figli, i quali presi singolarmente non potevano sopportare un peso così importante sulle loro spalle. 

Amaro perché, come in tutte le opere di epica, arriva sempre il momento del tramonto per gli eroi e tale momento non può che essere colto con rammarico e nostalgia di chi apprezza l’opera.

Ma in fondo va bene così… “Skal”!

Vikings recensione 6 stagione – NO SPOILER
8.5

Conclusione

Una conclusione dolce amara per la serie che ha portato alla ribalta le gesta dei Vichinghi più famosi della storia durante la loro epoca d'oro.

Tags
Seguici su Google News Leggi Google News
Aaaabrlary0Xrcqzwwrzvvvnjb4Gg 9Hmrijm2Oysmtq69Vsc7Zfwcu 1Lnki0Lckrnhu8Es2Vrh3Maph1Iirq2 Wbd8S83
Unbelievable, l’incredibile vera storia di Marie
Unbelievable è una serie tv del 2019, diretta e creata da Susannah Grant, sceneggiatrice dell’acclamato…
42 18629196
Le 10 migliori serie sulla politica
Sono finite le elezioni americane e ti manca il clima elettorale? Speri in nuovi sondaggi…
Netflix Unsolved 2 T
Unsolved Mysteries, la docu-serie che spaventa con…
Nel 1987, il presentatore americano Robert Stack condusse una serie televisiva di genere documentaristico denominata…
Mank
Netflix – Tutte le uscite di Dicembre
Netflix, il servizio di streaming in abbonamento per film e serie tv più popolare al…
Hjnkm
L’attacco dei giganti – top 5 personaggi…
Nell’articolo che fa da controparte a quello sui migliori personaggi umani de L’attacco dei giganti,…