Stai leggendo: Green Hell – Recensione
Recensioni Videogiochi

Green Hell – Recensione

Nonostante sia un gioco dell’anno scorso, Green Hell sta vivendo un momento d’oro. E’ tra…

Green Hell – Recensione
Green Hell – Recensione

Nonostante sia un gioco dell’anno scorso, Green Hell sta vivendo un momento d’oro. E’ tra i titoli più acquistati del genere e fa migliaia di spettatori ogni giorno su Twitch.

Questo titolo è frutto delle idee avanguardistiche dello studio Creepy Jar, composto da personalità di spicco del videoludo.

Green Hell - Recensione 11 - Hynerd.it

Green Hell: di cosa si tratta?

Green Hell è un videogioco survival che punta molto sul realismo e sul crafting volto allo sviluppo di un survival instinct da parte del giocatore.

Nonostante si presenti come un prodotto indie come costi (20 euro circa), Green Hell offre il colpo d’occhio di un tripla A, con scenari molto ben realizzati.

Gli scorci della foresta amazzonica lasciano senza fiato e regalano emozioni di serenità per la bellezza del paesaggio, in contrasto con l’anima ansiogena del genere a cui il titolo appartiene.

I suoni naturalistici immergono appieno il giocatore all’interno dell’ambiente tropicale, contribuendo al senso di smarrimento che si prova addentrandosi in questi luoghi inesplorati.

Green Hell - Recensione 12 - Hynerd.it

Realismo prima di tutto

Il realismo è l’elemento su cui gli sviluppatori sembrano essersi maggiormente concentrati.

A partire da un HUD minimale, che porta a schermo solamente elementi essenziali che non invadono la schermata, lasciandola pulita e dando più risalto possibile al paesaggio.

Per sopravvivere è necessario cacciare, cogliere cibo, combattere con le creature selvagge e ovviamente con gli indigeni. Tutto ciò espone a rischi che possono voler dire game over.

Una semplice ferita non deve essere solamente fasciata, ma va curata e disinfettata utilizzando elementi di fortuna: come ad esempio vermi che contribuiscano a purificare la carne esposta in seguito ad un taglio.

Il gioco vuole sviluppare anche la nostra conoscenza in ambito nutrizionale: il cibo viene suddiviso in proteine, carboidrati e grassi e un giusto equilibrio tra le macromolecole, porta ad una forma buona del protagonista.

Le malattie e gli infortuni sono all’ordine del giorno e devono essere studiati prima che risolti. Si dovrà proseguire con una diagnosi del problema al fine di trovare una cura adeguata.

Green Hell - Recensione 13 - Hynerd.it

Questa prevede l’utilizzo di mezzi ingegnosi ma rudimentali per curare alla buona problemi gravi come infezioni da parassiti o ferite infette.

Il cibo che si trova non è sempre sano: potrebbe rivelarsi pregno di sostanze velenose. Bere acqua putrida, ad esempio, potrebbe significare probelmi di stomaco. Il giocatore verrà spesso messo dinnanzi ad una scelta in tal senso: assaggiare e rischiare oppure andare sul sicuro e mangiare solo ciò che si conosce?

Gestione dello zaino e crafting

Durante l’avventura sarà fondamentale la gestione degli spazi nello zaino, che ci consente di trasportare oggetti utili ma non in quantità infinita.

Una corretta gestione degli spazi deve venirci in aiuto nelle condizioni più disperate: caccia, combattimenti, necessità medica e tutto ciò che potrebbe verificarsi all’ombra di una foresta tropicale.

Ovviamente gli oggetti possono essere utili per il crafting: è fondamentale produrre oggetti per le varie attività sopraelencate, che possono andare da una lancia, ad un’accetta.

Nello zaino potremo anche conservare il cibo, che in alcuni casi, per offrire il massimo dal punto di vista nutrizionale, dovrà essere cotto prima che consumato. Accendere un fuoco sarà dunque un’opzione utile per mangiare, ma attenzione: il fuoco attira creature selvagge e non solo!

Modalità

Green Hell non offre solamente la classica modalità survival, il cui semplice scopo è sopravvivere il più tempo possibile, ma è presente anche una modalità storia.

La trama dell’avventura non è tra le più ispirate, ma abbastanza originale da farsi giocare in maniera godibile.

Per i più intrepidi è presente anche la feature del permadeath, ovvero l’impossibilità di respawn dopo la morte: non avete possibilità di fallire, cadere in errore significa ricominciare da capo.

Da tutto ciò trae vantaggio al longevità del gioco, che si conferma piuttosto buona anche per chi dovesse essere un veterano del genere survival.

Green Hell - Recensione 14 - Hynerd.it

Comparto tecnico

Chi dovesse sentir parlare per la prima volta di Green Hell si aspetterebbe un gioco dalla grafica improvvisata e dal comparto tecnico generale di basso livello.

Ma nonostante il prezzo budget del prodotto, esso offre dal punto di vista visivo e sonoro un’esperienza che vale la pena essere vissuta.

Il colpo d’occhio è meraviglioso: l’imponente foresta amazzonica si erge in tutta la sua maestosità, offrendo contrasti suggestivi tra rigagnoli e vegetazione.

Il tutto accompagnato da suoni ben ritmati, che immergono il giocatore all’interno di una realtà parallela, tanto pericolosa quanto meravigliosa.

Il mondo di Green Hell teletrasporta nel cuore di una foresta selvaggia e invoglia all’esplorazione di un luogo che difficilmente sarebbe visitabile al di fuori di una realtà virtuale.

Ovviamente non tutto è oro ciò che luccica: i movimenti degli esseri animati sono legnosi e non hanno lo stesso impatto visivo della controparte naturale.

Tuttavia, considerando la natura indie del prodotto, c’è da dire che gli sviluppatori hanno organizzato bene le forze, spingendo su elementi che contribuiscono fortemente a far sembrare un tripla A un prodotto che in realtà ambisce ad altre fasce di mercato.

Tutto sommato questo prodotto è qualitativamente superiore alla maggior parte dei rivali che appartengono al medesimo genere: Green Hell stabilisce nuovi standard qualitativi del genere survival di stampo indie.

Potete acquistare Green Hell su steam al prezzo attuale di 20,99 euro.

Green Hell – Recensione
7.5

Conclusione

Green Hell è un prodotto molto ben confezionato. Offre nuovi spunti per il genere survival, reinventando meccaniche già viste e introducendone di nuove: la classificazione nutrizionale del cibo o la diagnosi. Nonostante lo stampo indie mostra i muscoli dal punto di vista tecnico.

Pro

Comparto tecnico buono
Meccaniche nuove e ben congeniate
Community attiva
Diverse modalità giocabili

Contro

Genere di nicchia
Meccaniche complicate per le nuove leve del survival
Animazioni legnose
Tags
Seguici anche su:
Facebook e su Telegram!
Seguici su Google News Leggi Google News
Condivisione Whatsapp
Condivisione Messenger
Condivisione Pinterest
Condivisione LinkedIn
Condivisione Reddit
Condivisione Tumblr
Gris
Gris – Recensione: una dolorosa poesia
Ritengo che per questo titolo sia necessario attuare un approccio diverso rispetto agli standard videoludici.…
Pc Building Simulator, La Recensione Dopo 24 Ore Di Gameplay 21 - Hynerd.it
PC Building Simulator, la recensione dopo 24…
Premessa, partendo dal fatto che questo titolo si incentra essenzialmente sulla costruzione di computer (costruzione…
Fort Triumph - Recensione 33 - Hynerd.it
Fort Triumph – Recensione
Da appassionato di GdR strategici a Turni, il solo vedere gli screenshot di Fort Triumph,…
Sekiro: Shadows Die Twice - La Recensione 35 - Hynerd.it
Sekiro: Shadows Die Twice – La recensione
From Software, con la pubblicazione di Sekiro: Shadows Die Twice, mette in opera l’ennesimo gioco…
hynerd.it

I migliori del mese

Selezionati per te

© 2021 Hynerd.it Tutti i diritti riservati.
Condivisione Whatsapp
Condivisione Messenger
Condivisione Reddit