Per scoprire i nostri contenuti esclusivi sui Social, Youtube e il nostro server Discord... Clicca qui!

Tech

LCT 240 Pro: recensione del microfono Lewitt

Ci è arrivato in settimana il microfono a condensatore Entry Level di Lewitt, LCT 240…

Lct 240 pro: recensione del microfono lewitt
LCT 240 Pro: recensione del microfono Lewitt

Indice dei contenuti

  • Cos'è un microfono a condensatore?
  • Chi è Lewitt? La loro storia
  • La recensione del LCT 240 Pro
  • Modello polare e risposta in frequenza 2.0
  • Il microfono
  • Voce in studio
  • Voce dal vivo / Streaming
  • Qualità costruttiva

Ci è arrivato in settimana il microfono a condensatore Entry Level di Lewitt, LCT 240 Pro, e questa è la nostra recensione di un prodotto impressionante e della quale cercheremo di dare una visione per un utilizzo di contenuti streaming e video. Ma prima di iniziare vogliamo accennare qualcosa su cos’è un microfono a condensatore e chi è Lewitt. Senza ulteriori indugi, iniziamo.

Cos’è un microfono a condensatore?

Esistono vari tipi di microfoni, i principali sono quelli USB e a Condensatore. Ogni microfono è dotato di un diaframma che si muove in risposta alle variazioni della pressione dell’aria generate da un suono: questi movimenti meccanici vengono poi trasformati in una frequenza elettrica analogica.

Il diaframma di un microfono a condensatore è costituito da una lamina conduttrice (spesso rivestita d’oro), posizionata a una piccola distanza (circa 5-50 µm) davanti a un disco metallico o elettrodo posteriore. La lamina e il disco formano insieme gli elettrodi di un condensatore. Come insegnano le lezioni di fisica, due piastre metalliche parallele ed elettricamente isolate formano un normale condensatore che può immagazzinare una piccola quantità di energia sotto forma di carica elettrica, che viene trasportata alle piastre del condensatore da una tensione di carica.

La capacità di immagazzinamento dipende non solo dalle dimensioni delle piastre, ma anche dalla loro distanza: più queste sono vicine, più alta sarà la capacità del condensatore di immagazzinare energia. Tornando alla capsula del condensatore, questa viene prima caricata a una tensione, ad esempio, di 60 V attraverso una resistenza di carica molto elevata (ad esempio, 1GΩ), per cui il microfono a condensatore ha bisogno di un’alimentazione “phantom”. Quando le onde sonore colpiscono il diaframma, questo vibra con una piccolissima deflessione al ritmo delle stesse; il suo movimento nel campo sonoro altera la distanza tra i due elettrodi, implicando costanti cambiamenti di capacità in funzione del segnale acustico.

Quest’ultimo viene poi convertito nella sua corrispondente tensione elettrica dai circuiti presenti nella capsula del microfono. La lamina del diaframma, in questo tipo di microfoni, ha il vantaggio di avere una massa molto bassa, riuscendo ad oscillare più velocemente rispetto al diaframma di un microfono dinamico.

Per garantire una trasmissione del segnale efficace, la capsula del microfono a condensatore è seguita da un circuito convertitore d’impedenza, che può essere a valvole o a transistor. Questo circuito riduce l’alta impedenza del microfono a valori utilizzabili per la trasmissione del segnale (di solito tra 50 e 200 Ω). Tuttavia, poiché questo circuito convertitore d’impedenza è attivo, è necessaria un’alimentazione di tensione. Per i microfoni a condensatore a transistor, questa è di solito fornita dal pre-amplificatore del microfono attraverso l’alimentazione phantom a 48 V.

Tuttavia, alcuni microfoni possono anche essere alimentati a batteria. I microfoni a valvole, d’altra parte, richiedono tensioni operative più elevate e quindi sono forniti con un proprio alimentatore esterno.

I microfoni a condensatore sono più costosi da produrre rispetto ai microfoni dinamici, ma spesso offrono una qualità del suono superiore e un ingombro e peso più ridotti. Il microfono a condensatore è stato inventato da Georg Neumann, fondatore dell’omonima azienda che ancora oggi produce microfoni di alta qualità. Alcuni modelli Neumann degli anni ’30 sono ancora utilizzati negli studi di registrazione e sono considerati tra i migliori in commercio. La qualità è garantita.

Chi è Lewitt? La loro storia

Roman Perschon, un austriaco che aveva lavorato come Project Manager nella produzione di microfoni per un importante produttore europeo, decise di lasciare il suo lavoro per creare un marchio di microfoni di alta qualità con persone appassionate che condividessero la sua visione. Insieme al giovane cinese Ken Yang, proprietario di una delle più grandi basi di produzione microfoniche asiatiche, fondò il nuovo brand professionale di microfoni LEWITT.

Nel 2009, le idee di Roman presero forma in Austria con un team tecnico di prim’ordine e nel 2010 presentò i suoi prodotti al NAMM, ottenendo successo e lodi per le caratteristiche tecniche, il suono cristallino e le eccezionali performance live. Nel 2011 i microfoni LEWITT erano già disponibili in Europa, USA e Sud America e da allora non si è più fermata. I microfoni LEWITT sono stati utilizzati in occasioni come il concerto tributo di Michael Jackson e al BMI per il CMJ Music Marathon a New York, rendendo Roman e il suo team orgogliosi e soddisfatti perché si tratta non solo di microfoni, ma di ciò che questi microfoni sono in grado di creare.

Ora che abbiamo fatto le dovute premesse, dedichiamoci alla recensione

Ci è arrivato in settimana il microfono a condensatore entry level di lewitt, lct 240 pro, e questa è la nostra recensione di un prodotto impressionante e della quale cercheremo di dare una visione per un utilizzo di contenuti streaming e video. Ma prima di iniziare vogliamo accennare qualcosa su cos'è un microfono a condensatore e chi è lewitt. Senza ulteriori indugi, iniziamo. 9

La recensione del LCT 240 Pro

Modello polare e risposta in frequenza 2.0

Il Lewitt LCT 240 Pro è un microfono a condensatore di tipo a gradiente di pressione con un pattern polare cardioide e una gamma di frequenze di 20Hz-20kHz. Ha un SPL massimo di 142dB e una gamma dinamica ponderata A di 123dB. La sua risposta in frequenza è piuttosto piatta, con un aumento nella fascia alta intorno a 2kHz e un picco intorno a 8kHz di circa 5dB.

All’interno della scatola di LCT 240 Pro possiamo trovare:

  • Il microfono
  • Un filtro antisoffio per microfono da studio
  • Un Lewitt DTP 40 MTS che è un supporto microfonico regolabile in gomma per batteria. Ma può essere utilizzato anche in modo temporaneo in un’asta per microfono.

Una mancanza è un cavo XLR per un’installazione veloce senza l’acquisto di componenti esterne per poterlo utilizzare.

Il microfono

Nonostante non sia il microfono più performante sul mercato, il LCT 240 Pro può essere molto utile per la registrazione di voci e strumenti per i quali si desidera una enfasi nella fascia alta. Nella maggior parte dei casi, durante l’utilizzo di questo microfono, abbiamo notato che in realtà ha ridotto la necessità di lavori di post-produzione per adattare il suono al mix, specialmente quando utilizzato su un cantante o uno strumento adatto.

Voce in studio

Il LCT 240 Pro ha una colorazione sonora abbastanza marcata e gli alti sono abbastanza accentuati. Pur essendo ancora un’ottima opzione per registrare la voce, le sue prestazioni sono meno flessibili rispetto ad un microfono di fascia più alta. Nel complesso, funziona altrettanto bene o addirittura meglio di altri microfoni entry-level a condensatore. Se la tua voce si adatta al suono di questo microfono, ti richiederà poco sforzo in post-produzione per adattarlo perfettamente al mix. Ma alternativamente, puoi acquistare la scheda audio Lewitt, la Connect 6, che si integra perfettamente con il microfono e ti permette di regolare il microfono alla tua voce. Se vuoi leggerne la recensione clicca questo link.

Voce dal vivo / Streaming

Il modello polare cardioide e l’alto SPL rendono LCT 240 Pro un’opzione affidabile per l’utilizzo in situazioni dal vivo. La sua capacità di rifiutare i suoni provenienti da angolazioni fuori asse, seppur non eccezionale, dovrebbe essere sufficiente per ridurre il rumore proveniente attorno a te. Tuttavia, essendo un microfono a condensatore, avrà bisogno di alimentazione phantom, quindi assicurati che il luogo in cui stai suonando o la scheda video che hai, sia in grado di supportarlo.

Qualità costruttiva

Il LCT 240 Pro è ben costruito e robusto. Il suo corpo in metallo è solido e pesante, con un cestello che conferisce ulteriore robustezza. La capsula, sebbene più piccola rispetto ai modelli di fascia alta, non rappresenta un problema per un microfono di livello entry-level.

Le sue caratteristiche nel dettaglio:

  • Microfono a Condensatore
  • Pattern Polare: Cardioide
  • Risposta in frenquenza: 20Hz – 20000 Hz
  • Sensibilità: 16.7 mV/Pa, -35.5 dBV/Pa
  • Max. SPL for 0,5% THD: 142 dB SPL
  • Gamma dinamica: 123 dB (A)
  • Dimensioni: 138 x 52 x 36 mm
  • Inclusi nella confezione: Shock mount, antipop, borsa per il trasporto
  • Peso netto: 310 g

LCT 240 Pro: recensione del microfono Lewitt
8.2
Buono

LCT 240 Pro: recensione del microfono Lewitt

Prezzo di Listino
159

Conclusione

Il LCT 240 Pro è un'ottima scelta per chi cerca un microfono entry-level e può essere utilizzato con successo in un'ampia varietà di situazioni. La sua enfasi nella fascia alta può migliorare notevolmente la resa delle voci e delle chitarre, ma può anche rivelarsi un problema se utilizzato in contesti inappropriati. Nel complesso, questo microfono offre ottime prestazioni a un prezzo accessibile.

Pro

Conveniente.
Alto livello SPL.
Buono per la voce.

Contro

Mancanza di un cavo XLR
L'utilizzo del microfono potrebbe non essere eccezionale in altri contesti.
Seguici su Google News Leggi Google News
Google stadia

Google Stadia: arrivati i primi rimborsi

Dopo la prematura "morte" di Stadia, Google sta tenendo fede alla parola data, da ieri…
Fondata nel 2009 con l'obiettivo di innovare il mercato dei microfoni, lewitt potrebbe non essere la prima azienda che ti aspetteresti di vedere lanciare un'interfaccia audio. Tuttavia, con l'uscita di connect 6, la loro prima interfaccia audio, è evidente che la società vuole rivolgersi direttamente ai creatori di contenuti, un mercato in cui i microfoni di alta qualità sonora e design accattivante di lewitt sono particolarmente popolari. Per maggiori informazioni su lewitt e la recensione del loro microfono entry-level, lct 240 pro, puoi leggere la nostra recensione dettagliata. 14

RecensioneConnect 6: recensione della nuova scheda audio…

Fondata nel 2009 con l’obiettivo di innovare il mercato dei microfoni, Lewitt potrebbe non essere…
Il continuo sviluppo della tecnologia e l’innovazione hanno completamente stravolto il nostro mondo e tutti i settori lavorativi e non solo. In particolare il processo di spedizioni è stato migliorato e automatizzato in modo da essere più veloce e meno costoso. Image processing e realtà aumentata sono due fattori che hanno influito molto in questo settore e, collaborando tra loro riescono a semplificare e velocizzare tutto il processo di spedizione. Di seguito andremo a vedere nello specifico che cos’è l’image processing, la realtà aumentata e come possono collaborare per agevolare il processo di spedizioni. 21

Image processing e realtà aumentata: cosa sono…

Il continuo sviluppo della tecnologia e l’innovazione hanno completamente stravolto il nostro mondo e tutti…
Il personal branding è l'arte di costruire e promuovere la tua immagine professionale attraverso i social network. 24

Come gestire il tuo personal branding sui…

Il personal branding è l'arte di costruire e promuovere la tua immagine professionale attraverso i…