Per scoprire i nostri contenuti esclusivi sui Social, Youtube e il nostro server Discord... Clicca qui!

Tech

NoWave, Recensione degli occhiali anti luce blu

Da qualche mese sono arrivati in redazione gli occhiali anti luce blu di NoWave, l’azienda…

Nowave, recensione degli occhiali anti luce blu
NoWave, Recensione degli occhiali anti luce blu

Indice dei contenuti

  • Cos'è la luce blu?
  • Come sono fatti? Ecco la nostra esperienza
  • Quanto costano gli occhiali anti luce blu?

Da qualche mese sono arrivati in redazione gli occhiali anti luce blu di NoWave, l’azienda italiana specializzata nella produzione di questo tipo di occhiali.

Dopo aver trascorso molte ore al giorno utilizzandoli per scrivere, programmare e giocare, è giunto il momento di valutarli e condividere la mia esperienza. Prima di provare questi occhiali, non li consideravo essenziali nella mia routine quotidiana, ma ora non posso più farne a meno. Nella recensione seguente, vi spiegherò il perché.

Prima di iniziare però bisogna dedicare un piccolo paragrafo a spiegare cosa è la cosiddetta luce blu.

Cos’è la luce blu?

Negli ultimi anni, gli effetti dello schermo sulla salute oculare sono stati oggetto di numerose ricerche, in particolare riguardo alla luce blu emessa dagli schermi dei dispositivi digitali come smartphone, tablet e PC, nonché dai sistemi di illuminazione a basso consumo energetico. I risultati hanno evidenziato che l’esposizione prolungata alla luce blu può avere conseguenze negative sulla salute, tra cui mal di testa e insonnia.

NoWave ha spiegato nel dettaglio gli effetti che comporta la luce blu nel video che trovate qui di seguito:

NoWave, Luce Blu

Facendo una ricerca su internet, tanti studi e informazioni sembrano confermare la tesi non solo da NoWave, ma anche l’esistenza di una vera e propria sindrome, la “sindrome da visione al computer“.

Un utilizzo di appositi occhiali da lettura al computer protegge gli occhi dalla luce blu degli schermi, e riscontra pareri positivi. In ogni caso, un utilizzo degli schermi elettronici superiore a 4-5 ore al giorno è sconsigliato, in quanto la stessa funzione biologica dell’occhio non prevede il contatto prolungato con essi.

Wikipedia

Non sono un professionista del settore medico e non mi sento in grado di dare consigli medici, tuttavia, da quando ho iniziato a informarmi e a prendere le dovute precauzioni, tra cui l’utilizzo di questi occhiali durante sessioni intense di studio, programmazione e gaming, mi sembra che al mattino, dopo le mie 8 ore di sonno, mi senta più riposato e con molte più energie. Inoltre, i dolori agli occhi che a volte avevo la sera prima di andare a dormire sono scomparsi.

Un caso? Chi può dirlo. Però la sensazione di stare meglio da quando utilizzo questi occhiali è vera.

Come sono fatti? Ecco la nostra esperienza

Come utente che non ha mai indossato occhiali, posso attestare che la scomodità era una delle mie principali preoccupazioni nell’utilizzare questi occhiali durante lunghe sessioni davanti allo schermo. Tuttavia, dopo aver chiesto consiglio e aiuto a amici e familiari per poter dare una recensione il più veritiera possibile, posso affermare di essermi ricreduto sulla comodità di questi occhiali.

La montatura dell’occhiale NoWave che mi è arrivato risulta estremamente leggero e per nulla fastidiosa. Il motivo è il materiale utilizzato per la loro costruzione, un mix di TR90 (un materiale plastico) e titanio; mentre le lenti sono realizzate in CR39, una particolare plastica che qualcuno forse ha sentito già essere chiamata con il nome di “vetro organico”.


Anche se ho notato la leggerezza e flessibilità della montatura degli occhiali, ho inizialmente avuto preoccupazioni riguardo alla loro durata e resistenza nel tempo. Ho temuto che potessero rompersi facilmente a causa di queste caratteristiche.

Esistono molti stili di occhiali per soddisfare ogni preferenza e la tecnologia AR ci permette di provare il prodotto sul nostro viso utilizzando la fotocamera, in modo da essere certi che il modello scelto si adatti alla forma del nostro viso prima dell’acquisto.

Sul sito ufficiale di NoWave è possibile scegliere tra differenti taglie: la small, medium e large.

L’occhiale viene consegnato all’interno di una scatola bianca con il logo NoWave. Al suo interno troviamo:

  • Portaocchiali rigido nero con chiusura magnetica
  • Sacchetta porta occhiali
  • Panno per la pulizia delle lenti
  • Ovviamente, l’occhiale scelto.

All’inizio dell’utilizzo degli occhiali, potreste percepire un lieve fastidio se state guardando un monitor molto luminoso. Questa è una reazione normale, poiché l’occhio deve abituarsi alla lente. Tuttavia, questa sensazione dovrebbe sparire dopo un breve periodo di tempo. Subito dopo aver indossato gli occhiali, potreste notare che lo schermo appare giallo. Tuttavia, questo potrebbe non essere ideale se lavorate nel campo della grafica e avete bisogno di vedere con precisione i colori.

Le lenti sono dotate di un filtro UV400, che protegge sia dai raggi UV-A che dai raggi UV-B, filtrando il 40% della luce blu a 430nm e sono antiriflesso HMC (dato NoWave). Non sono lenti graduate, ma su richiesta possono essere graduate a piacimento, ovviamente dopo aver inviato un certificato medico.

Quanto costano gli occhiali anti luce blu?

Il prezzo degli occhiali anti-luce blu varia intorno ai 60€, a seconda del modello scelto. Se si desidera aggiungere la graduazione della lente per la correzione della miopia, ipermetropia, astigmatismo o presbiopia, ci sarà un costo aggiuntivo di 39€. Inoltre, è possibile scegliere di aggiungere lenti fotocromatiche a 99€ (che si scuriscono alla luce del sole per trasformare gli occhiali in occhiali da sole con lenti Transitions di ottava generazione).

NoWave, Recensione degli occhiali anti luce blu
8
Buono

NoWave, Recensione degli occhiali anti luce blu

Prezzo di Listino
59

Conclusione

Occhiali anti luce blu ottimi, con tante tipologie di design e ad un prezzo adeguato. Mi sarei aspettato un costruzione più robusta.

Seguici su Google News Leggi Google News
Account whatsapp rubato

GuidaAccount WhatsApp rubato? Ecco come risolvere

Niente paura, ecco i metodi per prevenire e salvaguardare il vostro account WhatsApp dagli hacker.
Ci è arrivato in settimana il microfono a condensatore entry level di lewitt, lct 240 pro, e questa è la nostra recensione di un prodotto impressionante e della quale cercheremo di dare una visione per un utilizzo di contenuti streaming e video. Ma prima di iniziare vogliamo accennare qualcosa su cos'è un microfono a condensatore e chi è lewitt. Senza ulteriori indugi, iniziamo. 10

RecensioneLCT 240 Pro: recensione del microfono Lewitt

Ci è arrivato in settimana il microfono a condensatore Entry Level di Lewitt, LCT 240…
Il continuo sviluppo della tecnologia e l’innovazione hanno completamente stravolto il nostro mondo e tutti i settori lavorativi e non solo. In particolare il processo di spedizioni è stato migliorato e automatizzato in modo da essere più veloce e meno costoso. Image processing e realtà aumentata sono due fattori che hanno influito molto in questo settore e, collaborando tra loro riescono a semplificare e velocizzare tutto il processo di spedizione. Di seguito andremo a vedere nello specifico che cos’è l’image processing, la realtà aumentata e come possono collaborare per agevolare il processo di spedizioni. 17

Image processing e realtà aumentata: cosa sono…

Il continuo sviluppo della tecnologia e l’innovazione hanno completamente stravolto il nostro mondo e tutti…
Fondata nel 2009 con l'obiettivo di innovare il mercato dei microfoni, lewitt potrebbe non essere la prima azienda che ti aspetteresti di vedere lanciare un'interfaccia audio. Tuttavia, con l'uscita di connect 6, la loro prima interfaccia audio, è evidente che la società vuole rivolgersi direttamente ai creatori di contenuti, un mercato in cui i microfoni di alta qualità sonora e design accattivante di lewitt sono particolarmente popolari. Per maggiori informazioni su lewitt e la recensione del loro microfono entry-level, lct 240 pro, puoi leggere la nostra recensione dettagliata. 20

RecensioneConnect 6: recensione della nuova scheda audio…

Fondata nel 2009 con l’obiettivo di innovare il mercato dei microfoni, Lewitt potrebbe non essere…