Kaiju – top 5 videogiochi

Schermata 2021 02 02 alle 10.00.54 copy

La recente distribuzione del trailer dell’attesissimo Godzilla vs. Kong, ha riacceso la passione degli utenti per i prodotti audiovisivi che raccontano di mostri e degli scontri fra questi. Trattasi di film, serie tv, videogiochi e molto altro che condividono il tema centrale del “kaiju”.

Immagine d'informazione

Che cos’è un kaiju?

È il termine di origine giapponese che indica una tipologia di mostro, ormai assimilata in Occidente come cult del cinema di fantascienza a partire dagli anni Cinquanta. In particolare, l’espressione è traducibile come “strana bestia”. Inoltre, è possibile distinguere tra lo specifico “kaijin”, che indica mostri antropomorfi, e il più generico “daikaiju”, riferito ai mostri giganti. Su quest’ultimo termine, la fantascienza occidentale ha lavorato molto negli ultimi anni portando alla creazione di un nuovo MonsterVerse targato Warner Bros.

L’idea di mostri giganti che governano il pianeta nasce in Giappone dopo la Seconda Guerra Mondiale, a seguito di una riflessione fantasiosa circa gli effetti dell’energia atomica sull’ambiente naturale. Non a caso, molti kaiju si contraddistinguono per poteri legati alle radiazioni nucleari, Godzilla in primis. La mitologia dei kaiju ha avuto un forte impatto anche sull’industria videoludica a partire dagli anni Ottanta. Ecco quindi una breve classifica che riporta i cinque migliori giochi a tema kaiju, pubblicati fino a oggi.

I 5 migliori giochi a tema Kaiju

Godzilla (2015)

Uscito nel luglio 2015 (poco dopo la distribuzione in sala del reboot omonimo), questo titolo racconta le vicende del kaiju per eccellenza: Godzilla. Non si tratta di un adattamento del film, ma si basa su un gioco simile uscito in Giappone poco prima. Godzilla presenta un gameplay semplice e basilare che prevede il confronto e lo scontro tra kaiju di diversa entità. 

Immagine d'informazione

Nonostante qualche combattimento noioso e un comparto grafico non eccellente (se si pensa che è stato pubblicato sia su PS3 che su PS4), Godzilla riesce a celebrare il franchise del kaiju riproducendo fedelmente le battaglie che hanno ispirato una serie di saghe cinematografiche che hanno portato il kaiju Godzilla ad essere ormai il mostro gigante più famoso del mondo. Inoltre, è disponibile una modalità online, in cui sfidare amici e sconosciuti lottando tra grattacieli e autostrade, distruggendo e utilizzando tutto ciò che il gioco mette a disposizione.

Godzilla: Destroy All Monsters Melee (2002)

Originariamente rilasciato per Gamecube e in seguito per Xbox 360 (2003), Godzilla: Destroy All Monsters Melee pone al centro della sua narrativa ancora una volta il noto mostro gigante anfibio e le lotte contro una razza aliena che ha preso il controllo di tutti gli altri kaiju. Affrontarli sarà importante per ascendere a Re dei Mostri.

Immagine d'informazione

Analogamente al titolo precedente, il gioco si focalizza su scontri tra mostri. Il giocatore può incorrere in ostacoli ambientali e umani, come l’esercito, che attacca tutti i mostri presenti sul terreno di scontro. Contestualizzato nel periodo in cui è uscito, Godzilla: Destroy All Monsters Melee, si afferma come un buon picchiaduro tra kaiju, 

Peter Jackson’s King Kong (2005)

Adattamento dell’omonimo lungometraggio diretto da Peter Jackson (2005) e distribuito su PS2, il titolo riprende filologicamente la storia del film articolandosi in un gameplay dalla duplice natura. Da un lato sarà possibile vivere la storia nei panni del protagonista umano che insieme ad altri naufraga sull’Isola del Teschio, dall’altro si vestiranno i panni di un potente King Kong risvegliato dall’arrivo della ciurma umana.

Immagine d'informazione

Il personaggio di Kong nasce prima dei kaiju giapponesi post-bellici, con il film del 1933 King Kong, che racconta dell’esistenza di un enorme gorilla su un’isola inesplorata. Recentemente, la figura di Kong è stata assimilata all’universo dei kaiju, portando allo scontro con Godzilla summenzionato. In questo gioco dalle atmosfere tetre e spesso spaventose, sarà possibile rivivere la genealogia del mostro secondo il punto di vista del noto regista cinematografico.

Rampage (1986)

Anche in questo caso, il videogioco considerato ruota attorno a una figura non riconducibile all’universo kaiju così come fu teorizzato dai giapponesi negli anni Cinquanta. Trattasi di Rampage, un altro enorme gorilla che però, a differenza di Kong, si trova sin da subito in contatto con gli umani e con la vita urbana della città.

Immagine d'informazione

Rampage, rilasciato per NES e Commodore 64 è forse il primo videogioco a tema kaiju mai prodotto e ancora oggi uno dei migliori mai sviluppati, grazie al suo iconico gruppo di personaggi, alle meccaniche di gioco intuitive e al prorompente fascino della distruzione.

Agli occhi dei moderni videogiochi potrebbe risultare antico e presto noioso, ma è necessario ricordare che nel 1986 non esisteva niente di simili Rampage e per questo rimane ancora oggi uno dei capisaldi dell’industria videoludica – soprattutto di quella legata al tema kaiju. Tra i veterani del ludico, parlare di Rampage è sinonimo di gioco così come Godzilla lo è di lungometraggio.

War of the Monsters (2003)

Infine, al primo posto di questa breve classifica si inserisce il gioco che meglio ha assorbito e ridefinito il potenziale dei titoli precedentemente analizzati: War of the Monsters. Questo gioco per PS2 (ripubblicato per PS3 e PS4) è un classico degli scontri tra kaiju. Il punto di forza è il gameplay, che permette al giocatore di utilizzare qualsiasi elemento della mappa di gioco per danneggiare il mostro avversario.

Immagine d'informazione

Fluido, dinamico e mai ripetitivo, War of the Monsters permette di condividere lo scontro con altri tre giocatori in split-screen, rendendo l’esperienza kaiju ancora più divertente. I mostri proposti nel gioco sono frutto di una rielaborazione dell’effettiva fantascienza kaiju. Tra mosse speciali, distruzione totale dell’area di gioco, mostri unici da sbloccare e singole storyline per ogni kaiju, War of the Monsters è ancor oggi il miglior videogioco a tema mai sviluppato.