Persona 5 è ritenuto un gioco molto violento

Persona 5

A poche settimane dall’uscita del prossimo capitolo di Persona 5, la commissione per la valutazione dei contenuti dei videogiochi (l’ESBR) ha giudicato il nuovo titolo nipponico di Atlus molto violento.

Violenza, sesso, droga, c’è anche qualcos’altro in Persona 5?

Come ben sapete molti videogiochi propongono storie, personaggi o temi molto forti che nella maggior parte dei casi subiscono molte censure per non incoraggiare atti criminosi o per tutelare la sensibilità degli utenti. Nel corso degli anni esempi di questi titoli ne potremmo citarle centinaia, tra cui gli stessi Doom, GTA, Mortal Kombat. Tuttavia, la categoria più messa in discussione, a causa dell’enorme differenza culturale, è quella dei titoli nipponici, dove, se in Oriente sembrano offrire delle esperienze videoludiche comuni, al contrario in Occidente sono ritenute più scandalose. Il titolo più vicino a noi in termini d’uscita, che ricalca quanto detto finora, è il nuovo Persona 5.Il prossimo capitolo della famosa serie nipponica infatti è stato classificato dall’ESBR come molto violento ed adatto solo ad un pubblico adulto.

Persona 5

Il motivo è semplice: nella campagna principale del nuovo capitolo di Persona 5 sono presenti molti scene di sangue, riferimenti all’uso di droga, forti scene di nudo e di violenze, argomenti a sfondo sessuale e un linguaggio decisamente volgare. Inoltre sono presenti anche riferimenti alla malavita organizzata.

LEGGI ANCHE: Sonic Mania e Project Sonic 2017: i primi dettagli verranno svelati il 16 Marzo 2017

L’uscita del nuovo gioco di Persona 5 è prevista per il 4 Aprile, momentaneamente, in esclusiva PS4  e PS3.

 
 

Scopri di più
Persona 5 è ritenuto un gioco molto violento 7
MIUI 12: ecco le principali novità del nuovo sistema operativo di Xiaomi