Logo BackgroundDecorative Background Logo.

I peggiori horror degli ultimi 10 anni (Parte 2)

I peggiori horror degli ultimi 10 anni (Parte 2)

Dopo una prima parte dove parlavamo di alcuni dei peggiori horror del decennio, ecco che proseguiamo con la seconda parte.

Tutti i film di questa lista hanno in comune cliché riguardo qualcosa di pericoloso, che non dovrebbe essere fatto, ma che ovviamente viene fatto comunque.

Siete pronti? (Ri)cominciamo!

I peggiori horror del decennio: Ouija (2014)

In Ouija, un gruppo di amici, utilizzando una tavola Ouija, decidono di comunicare con l'amica Debbie, defunta a causa di un tragico incidente. Inizialmente scettici, i protagonisti si trovano presto coinvolti in una serie di eventi inquietanti e spaventosi che li portano a scoprire segreti oscuri legati alla loro amica defunta e alla storia della tavola stessa.

La pellicola è stata generalmente criticata per la sua trama prevedibile, la mancanza di suspense e la sua dipendenza da cliché del genere horror.

Ouija

The Lazarus Effect (2015)

Nonostante The Lazarus Effect abbia un cast d'eccezione con Evan Peters (American Horror Story) e Olivia Wilde (Don't worry darling), questo film non ha sicuramente conquistato gli spettatori a causa della sua trama prevedibile e per la mancanza di momenti spaventosi.

Un gruppo di ricercatori universitari lavora su un esperimento per riportare in vita i tessuti cerebrali morti. Utilizzando una sostanza sperimentale riescono a riportare in vita con successo un cane deceduto poco prima, ma nonostante il progetto abbia avuto successo questo viene comunque chiuso dal finanziatore.

In un tentativo disperato di dimostrare il valore della loro scoperta, la protagonista muore accidentalmente durante l'esperimento e viene riportata in vita utilizzando il siero.

I compagni presto si renderanno conto di aver aperto una porta verso qualcosa di inimmaginabile e pericoloso.

the lazarus effect - peggiori horror

The Bye Bye Man (2017)

Film horror diretto da Stacy Title e scritto da Jonathan Penner, si basa sul racconto "The Bridge to Body Island" di Robert Damon Schneck.

Il film segue un gruppo di giovani che scoprono l'esistenza di una creatura malvagia chiamata "The Bye Bye Man", che si manifesta quando il suo nome viene pronunciato.

Ovviamente, questi ultimi lo pronunciano e l'entità comincia a perseguitarli con terribili allucinazioni che portano lentamente i ragazzi verso il suicidio, mentre questi cercano una soluzione per salvarsi la vita.

Il film ha una trama scontata, personaggi poco sviluppati e mancanza di suspense. Per questi motivi è stato accolto negativamente dagli spettatori, nonostante gli attori avessero del potenziale.

bye bye man