Logo BackgroundDecorative Background Logo.

Disney+ come Netflix: stop alla condivisione degli account

Disney+

La rivoluzione iniziata da Netflix ha contagiato anche Disney+. Il CEO Bob Iger ha annunciato una serie di novità pronte ad entrare in vigore nei prossimi mesi. Si partirà dall'aumento dei prezzi per poi arrivare, nel 2024, alla limitazione della condivisione degli account.

Cambiamenti che riguarderanno anche l'Italia. Qui, dal 1 novembre, verranno introdotti diversi piani di abbonamento, tra cui quello con inserzioni pubblicitarie. Una mossa già attuata negli Stati Uniti, dove il piano con pubblicità sembrerebbe aver ottenuto un discreto successo. L'obiettivo è quello di offrire, anche in Europa, più possibilità di scelta ai consumatori. Nel dettaglio:

  • Standard con pubblicità a 5.99€ al mese: qualità video FullHD, due dispositivi in contemporanea, audio 5.1 e stereo;
  • Standard a 8.99€ al mese (abbonamento annuale a 89.90€): qualità video FullHD, due dispositivi in contemporanea, download dei contenuti, audio 5.1 e stereo;
  • Premium a 11.99€ al mese (abbonamento annuale a 119.90€): qualità video 4K UHD HDR, quattro dispositivi in contemporanea, download dei contenuti, audio Dolby Atmos.

In sostanza il costo dell'abbonamento aumenterà di 3 euro. Al momento infatti l'unico piano in vigore è quello da 8.99 euro. Dal 1 novembre questo diventerà automaticamente il piano Premium.

Ogni utente dovrà dunque scegliere se mantenere l'offerta attuale ad un costo più elevato. L'alternativa consiste nel modificare il piano ad uno degli abbonamenti standard, perdendo due dispositivi e la massima qualità video/audio.

Non si tratta dell'unica mossa volta ad arginare la fase di difficoltà di Disney+. La piattaforma ha registrato un calo nel numero di abbonati, motivo per il quale Iger ha annunciato una stretta sulla condivisione degli account.

Nel 2024 inizierà la manovra per limitare gli abbonamenti condivisi. Proprio come già fatto da Netflix, con successo stando ai primi dati emersi: 6 milioni di utenti paganti in più. Sarà lo stesso anche per Disney+?