Logo BackgroundDecorative Background Logo.

The Last of Us Online: addio a un altro progetto

The Last of Us Online: addio a un altro progetto

Dopo l'uscita di scena di FNTASTIC in seguito al fallimento di The Day Before, affonda un altro progetto videoludico. Si tratta dello sviluppo di The Last of Us Online, un'idea che aveva acceso non poco entusiasmo tra i membri del team di Naughty Dog. Secondo un post pubblicato sul sito ufficiale, infatti, sembra che, a calcoli fatti, la realizzazione di questo progetto richieda in gioco troppe carte dal mazzo. Ciò penalizzerebbe risorse e strumenti che potrebbero invece essere sfruttati in vista di potenziali futuri videogame single player.

Immagine d'informazione

Una crisi non recente

Il fervore per The Last of Us Online inizialmente era piuttosto acceso. La stessa Naughty Dog, madre di titoli quali Uncharted, Jak&Daxter e il classico Crash Bandicoot, aveva espresso il suo orgoglio ed emozione per i risultati raggiunti sullo sviluppo del gioco. Le crisi, però, non hanno tardato a farsi sentire, tanto che l'azienda era stata costretta a licenziare parte del personale. Si tratterebbe, secondo fonti provenienti da Kotaku, di circa 25 lavoratori a contratto, il più addetti al controllo qualità. Il colpo ha piegato una canna già inclinata, e non è tutto. Pare infatti che la Sony, nelle ultime settimane, abbia annullato lo sviluppo di molti altri titoli online. Non sappiamo di preciso quali siano, ma si tratta di videogame il cui lancio sul mercato era previsto entro marzo 2026. Un colpo di grazia questo per un progetto che, già da prima, camminava su una strada tortuosa.

Immagine d'informazione

In ogni caso Naughty Dog si scusa con gli amati fan, impazienti da troppo tempo di saziare la fame della caccia online. Promette comunque l'arrivo di un titolo single player completamente nuovo a data ancora da destinarsi. Ufficialmente bollata, invece, l'uscita di The Last of Us Part II Remastered prevista per Playstation 5 il 19 gennaio 2024. In generale sembra comunque un periodo di irregolari alti e bassi, questo, per il mondo videoludico. Speriamo in futuro di non dover più eliminare dalla nostra lista dei desideri altri titoli promettenti.

Ti potrebbe interessare