Logo BackgroundDecorative Background Logo.

I 10 migliori giochi del 2023

I 10 migliori giochi del 2023

Ad inizio mese ci son stati i The Game Awards, i famosi awards dedicati al mondo videoludico. I migliori giochi del 2023 si son sfidati per ottenere il titolo di gioco dell’anno. Questa volta è però il nostro turno.

Il 2023 ha regalato numerosi giochi, spaziando dai classici adventure games a platform e soulslike. Tra questi ci sono titoli che sicuramente ricorderemo per gli anni a venire. Altri invece di cui speriamo di poter presto cancellare il ricordo.

Insieme vogliamo raggruppare in questa lista quelli che, secondo noi, son stati i 10 migliori giochi del 2023. Andiamo a vederli.

Dead Space Remake

Piattaforme: PlayStation 5, Xbox Series X/S, PC
Sviluppatori: Motive Studio

dead space remake

Questo 2023 ci ha donato diversi remake e tra questi è difficile non menzionare Dead Space. Il gioco di Motive Studio ha aperto l’anno con il botto.

Il titolo ci ha riportato nei panni dell’ingegnere Isaac Clarke, guidandoci nella sua ricerca della moglie Nicole a bordo dell’oramai infetta nave spaziale Ishimura. L’esplorazione non ci mette molto a trasformarsi in un inquietante battaglia contro i necromorfi e le nostre paure.

Il gioco ricalca con estrema cura e dettaglio l’originale, senza però rinunciare ad apprezzati miglioramenti. La fluidità data dalla nuova generazione rende l’esplorazione molto più gradevole e il “vecchio” Isaac viene sostituto da un Isaac molto più loquace.

Sangue e mutilazioni questa volta tornano con una grafica decisamente migliore che rende il tutto ancora più raccapricciante. Inoltre, un plauso va sicuramente fatto al comparto audio, il quale è stato dettagliatamente curato per fornirci la miglior esperienza possibile.

Lies of P

Piattaforme: PlayStation 5, Xbox Series X/S, PC
Sviluppatori: Neowiz Games

lies of p

Entrato con passi silenziosi nella scena videoludica, Lies of P in poco tempo è riuscito a farsi strada ed ottenere un nome. Parliamo di un soulslike che si ispira, senza nasconderlo, ai grandi classici di FromSoftware, riuscendo però a replicarli con grande maestria.

Il gioco prende la storia di Pinocchio e la riscrive con grande originalità ed ingegno, trasferendola nell’era della Belle Époque. Intrappolati nella rete di bugie da noi creata, viviamo la storia di un moderno pinocchio e della battaglia contro i suoi mostri.

Seppur il titolo non vada ad innovare quello che è l’oramai affermato genere dei soulslike, regala un gameplay appassionate ed impegnativo. Anche il livello di sfida, seppur difficoltoso, non appare mai limitante e frustrante.

Super Mario Bros. Wonder

Piattaforme: Nintendo Switch
Sviluppatori: Nintendo

Super Mario Bros: Wonder

Dopo il grande successo del film di Mario, l'idraulico torna nel suo mondo originale. Super Mario Bros. Wonder porta con sé tutta la nostalgia dei vecchi titoli e l’innovazione e creatività della generazione attuale.

Abbandonato nel 2012 con New Super Mario Bros. U, torna con grande stile lo scorrimento orizzontale dei livelli. Una vera chicca apprezzata soprattutto dai nostalgici e grandi fans della saga videoludica. L’esplorazione diventa ancora più interessante dal momento in cui è possibile scegliere il nostro personaggio. Dovrete scegliere tra Mario, Luigi, la Princessa Peach, la Princess Daisy, Toad, Toadette, Nabbit e Yoshi

Il ritorno alle “origini” non indica però mancanza di innovazione. Ogni livello è dotato di dinamicità che permette a questi di mutarsi e alterarsi.

L’estetica del gioco colpisce piacevolmente l’occhio, rendendo ancora più piacevole il gameplay. Inoltre, per i veri amanti delle sfide, il gioco supporta anche la modalità multiplayer.

Cocoon

Piattaforme: PlayStation 5, Xbox Series X/S, PC, Nintendo Switch
Sviluppatori: Geometric Interactive

cacoon

Tra i grandi titoli nominati e tra i grandi che nomineremo, volevamo lasciar uno spazio ad un indie di spessore. Cocoon nasce dall’idea di uno degli autori di Limbo ed Inside e riesce, come i suoi predecessori, a vantarsi di uno stile unico e accattivante.

Parliamo di un’avventura puzzle che si basa su una serie di enigmi ambientali dettagliatamente strutturati e curati. Ambientata in un mondo dispotico nel quale i mondi son rinchiusi in sfere di vetro, il gioco ci rende padroni delle nostre azioni.

Gli enigmi sottostanno ad un sistema di regole che viene quasi “naturalmente” assimilato dal giocatore, non rendendoli mai frustranti o tediosi da fronteggiare. Passare da un mondo all’altro si trasforma quasi in una danza armoniosa della quale non possiamo fare a meno.

Il reparto tecnico-grafico stupisce ancor di più, ponendoci di fronte ad una personalità artistica memorabile e appagante da vivere ed osservare.

The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom

Piattaforme: Nintendo Switch
Sviluppatori: Nintendo

Immagine d'informazione

Vincitore nel 2022 come gioco più atteso dell’anno, Tears of the Kindgom è il sequel diretto dell'amato Breath of the Wild.

Il titolo ci riporta nell’Hyrule visitata nel gioco precedente, ponendoci davanti villaggi, lande e foreste già pienamente esplorate. Nonostante ciò, ogni luogo sembra avere una luce e prospettiva differente. Il gioco pone le basi di un’esplorazione verticale, la quale ci porta dal cielo fino alla terra e viceversa, aggiungendo isole volanti e caverne.

Ancora una volta, Link si trova alla ricerca della famosa principessa di Hyrule. Ricerca che viene inoltre ostacolata dalla sua battaglia contro il demone Ganon. Tears of the Kingdom tesse una storia misteriosa e intrigante dal quale è difficile allontanarsi.

La creatività del gioco viene inoltre arricchita dalla numerosa quantità di oggetti che è possibile draftare, tra cui veicoli, strumenti ed armi.

Anche con questo titolo, Nintendo ci ha donato un gioco di cui sarà difficile dimenticarsi.

Marvel’s Spiderman 2

Piattaforme: PlayStation 5
Sviluppatori: Insomniac Games

spiderman screen 02 ps4 eu 14jun16

Altro gioco la cui attesa si è sicuramente fatta sentire, sia dai fans dell’universo Marvel che non. Stiamo parlando di Marvel’s Spiderman 2, il gioco Insomniac che già con il primo titolo ha fatto ampiamente parlar di sé.

Il sequel va ad affiancare alla storia del primo quanto imparato da Miles Morales (lo spin-off sequel), riuscendo a creare un gioco dalla storia avvincente ed un gameplay più che soddisfacente.

La storia, seppur partendo a piede lento, riesce a prendere una significante svolta con l’arrivo in scena di Venom, il quale, dopo anni, riesce ancora ad affascinare. Il gameplay invece va a smussare alcune delle rigidità del primo, riuscendo anche ad eliminare secondarie decisamente troppo ripetitive.

Inoltre, il gioco ci fa finalmente dimenticare l’old gen grazie a caricamenti che sfruttano al massimo l’SSD della PlayStation 5.

Pikmin 4

Piattaforme: NintendoSwitch
Sviluppatori: Nintendo

pikmin 4 nintendo direct

Nuovo punto della lista, nuovo gioco Nintendo. Questa volta parliamo di un gioco atteso da molti, titolo di una saga che si era fermata al lontano 2004 con Pikmin 3.

Nonostante la lunga attesa, Pikmin 4 appare, a mani basse, il migliore tra i giochi della serie videoludica. Il titolo va ampliare ed arricchire quanto imparato dai precedenti, regalando ai suoi giocatori un’avventura più convincente.

Al fianco di Occin son stati messi due nuove tipologie di Pikmin e le caverne sotterranea son state nuovamente introdotte all’interno del gioco. L’esplorazione viene inoltre ampiamente premiata dal gioco, il quale si pone al fianco dei giocatori più appassionati.

Il passaggio all’Unreal Engine ha inoltre sicuramente giovato al gioco. Tra dettagli a schermo e grafica implementata, Pikmin 4 risulta uno spettacolo per gli occhi.

Baldur’s Gate 3

Piattaforme: PlayStation 5, Xbox Series X/S, PC
Sviluppatori: Larian Studios

baldur's gate 3

Premiato come gioco dell’anno, Baldur’s Gate 3 ha fatto parlare di sé da ben prima che ottenesse il titolo.

Il gioco di Larian Studios ha portato il mondo degli RPG ad un nuovo livello mai visto prima. Ponendo nuovi standard all’interno del genere. Con una durata di ben più di 100 ore, Baldur’s Gate 3 sembra porci davanti un’esplorazione senza fine, la quale può essere affrontata da soli od a fianco dei nostri cari amici.

Il gameplay si basa sul combattimento a turni, permettendo di unire una vasta serie di attacchi. Per quanto riguarda la componente RPG, il gioco dà il meglio di sé con una quantità infinita di dialoghi ed opzioni, così come una libertà di gioco assoluta.

Baldur’s Gate 3 entra quindi a piena regola tra i giochi migliori dell’anno.

Alan Wake 2

Piattaforme: PlayStation 5, Xbox Series X/S, PC
Sviluppatori: Remedy Entertainment

Immagine d'informazione


Dopo ben 13 anni dal rilascio di Alan Wake, il famoso scrittore di storie horror torna sugli schermi. Il sequel del gioco vanta un comparto audio e visivo degno della nuova generazione, il quale, in molti punti può lasciare stupiti. Plauso di merito alle espressioni facciali dei personaggi curate nei minimi dettagli.

Seppur il gioco non pone le basi su un gameplay tra i migliori dell’anno, il comparto narrativo e la direzione di gioco hanno caratteristiche di cui vantarsi. Una storia inquietante che prende forte ispirazione da grandi opere narrative del genere horror, riuscendo egregiamente nell’obiettivo di spaventare.

Inoltre, questo tipo di narrazione ha permesso agli sviluppatori di sbizzarrissi con la propria creatività, riuscendo in escamotage narrativi davvero geniali e accattivanti.

L’utilizzo di scene registrare nel mondo reale all’interno del gioco riesce sia a cogliere l’attenzione che trasmettere un senso di inquietudine non da poco.

Resident Evil 4 Remake

Piattaforme: PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X/S, PC, Mac, iPad
Sviluppatori: Capcom

resident evil 4

Come abbiamo iniziato questa lista con un remake, abbiamo deciso di finirla con un altro. Questa volta si parla di casa Capcom la quale, negli ultimi anni, continua a regalare grandi soddisfazioni.

Resident Evil 4 Remake è la chiara dimostrazione di come si dovrebbe fare un remake. La fedeltà all’opera originale è stata perfettamente e armoniosamente unita al desiderio di novità. L’eliminazione di vecchie scene e sezioni di gameplay oramai obsolete dà spazio ad approfondimenti od arricchimenti di altri spazi di gioco.

La componente di survival horror viene vissuta al 100% dal giocatore, il quale, anche a difficoltà normale, deve porre attenzione all’uso delle risorse. L’esplorazione soddisfacente permette non solo di collezionare risorse o tesori ma anche di rifarci gli occhi con ambientazioni degne di nota.

Ancora una volta Capcom ci dimostra come, quando vuole, riesce a sfornare remake sublimi.

Ti potrebbe interessare