Percy Jackson e gli dei dell’Olimpo 1×07, Recensione

La serie Disney+ Percy Jackson e gli dei dell’Olimpo sta giungendo al termine.

percy jackson and the olympians d23

La serie Disney+ Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo sta giungendo al termine. La puntata 1x07 ci porta ancora più vicini alla risoluzione delle vicende e alla fine dell'impresa dei protagonisti.

8

Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo 1x07

Ci stiamo avvicinando alla fine della storia, e le ambientazioni diventano sempre più cupe. Questa puntata è più interessante della precedente, ma non arriva al livello delle prime 5.

Trama di Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo 1x07

Percy, Annabeth e Groover, passando per un negozio di materassi riescono ad arrivare nel regno di Ade. Qui però riuscire ad arrivare dal Dio degli inferi non è semplice. Mostri, foreste e voragini ostacolano gli eroi nella loro impresa. Percy ha nella sua testa un'idea precisa per risolvere la situazione, che verrà presto stravolta dagli avvenimenti. L'ambientazione principale di questo episodio è il regno di Ade: gli inferi.

Sempre più cupo

Come detto in precedenza, questa serie tv, con il passare degli episodi, diventa sempre più cupa. Gli inferi sono sicuramente un ambiente tetro. Distese di terreno infinito, arido, desertico. Popolato da anime inquietanti e mostri. Un luogo reso ancora più spaventoso dal silenzio che lo domina.

Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo

Qui i semidei incontreranno cerbero, che proverà a ucciderli e rincorrerli durante quasi tutto il tempo della loro permanenza dell'aldilà. Il cane a tre teste è realizzato molto bene, e anche le sue interazioni con i ragazzi, soprattutto con Annabeth e Groover, sono piacevoli da vedere. Certo è che, più di apparire come un mostro degli inferi, ha l’aspetto di un cagnolino da appartamento. Non riesce ad essere credibile come mostro e tantomeno come antagonista. Insomma sicuramente non manca il budget da investire sugli effetti speciali, ma non sempre un lavoro di ricostruzione ben eseguito, porta al risultato sperato. Soprattutto se si vuole rendere un prodotto fruibile da grandi e piccini, si devono prendere dei compromessi. Il punto d’incontro trovato per rendere Cerbero child-friendly, porta gli spettatori più grandi d’età a storcere il naso.

Qui i ragazzi incontrano anche Caronte, il traghettatore delle anime. Un essere scorbutico, che i tre protagonisti non riescono a corrompere per avere un passaggio oltre il fiume. Questo personaggio è stata forse la parte più deludente dell’episodio. Non viene approfondito, anzi viene a mala pena inquadrato. Come detto prima, questi sono i compromessi necessari per non traumatizzare gli spettatori più piccoli, a discapito di un personaggio interessante e dalle mille sfaccettature.

Tutto sommato niente male

Rispetto all'episodio precedente, questo risulta più interessante. Nonostante ci siano meno momenti comici, le scene riescono a tenere gli spettatori sulle spine per tutta la durata della puntata. Essendo quasi arrivati al termine di questa prima stagione, iniziamo a vedere le possibili ipotesi sul finale. Questo adattamento è molto diverso rispetto al film che tratta la stessa saga letteraria. Perciò, anche chi ha visto l'opera cinematografica, potrà apprezzare questa serie tv e mantenere l'effetto sorpresa in gran parte delle puntate. Bisogna tenere conto che, in ogni caso, la storyline di base è la stessa, quindi il punto di partenza e la fine sarà pressoché uguale.

Staremo a vedere come proseguirà con l'ultimo episodio.